Repetita iuvant. Una proposta per Viterbo

621

Al Sindaco di Viterbo
a tutti i componenti della Giunta comunale
a tutti i componenti del Consiglio comunale

Oggetto: Reiterazione della proposta di concessione della cittadinanza onoraria ai bambini nati a Viterbo da genitori non cittadini italiani

Gentili signori,
non avendo fin qui ricevuto riscontro alla lettera inviata il 15 marzo 2014 all’Assessore ai servizi sociali del Comune di Viterbo, al Sindaco del Comune di Viterbo, e per opportuna conoscenza agli altri componenti della Giunta comunale, lettera con la quale rinnovavo la proposta (già a suo tempo formulata da un vasto arco di associazioni democratiche e già deliberata da molti Comuni italiani) di concessione della cittadinanza onoraria ai bambini nati nel territorio comunale da genitori non cittadini italiani, ebbene, nel dubbio che essa possa non essere pervenuta o non essere stata presa in esame per qualsivoglia motivo; ricordando inoltre che quella proposta ho successivamente di nuovo formulato in occasione dell’incontro di riflessione promosso dal Comune di Viterbo cui hanno preso parte i rappresentanti di vari soggetti associativi impegnati per la pace e la solidarietà, incontro svoltosi il 19 marzo 2014 e nel corso del quale ho proposto alcune precise ed a mio avviso necessarie ed urgenti iniziative contro la guerra e contro il razzismo; ritenendo di notevole importanza l’iniziativa della concessione della cittadinanza onoraria ai bambini nati a Viterbo da genitori non cittadini italiani per le ragioni già esposte nella lettera del 15 marzo e ribadite nell’incontro del 19 marzo; invio nuovamente quella proposta, indirizzandola ora all’intera Giunta ed all’intero Consiglio comunale.

Distinti saluti,
Peppe Sini, responsabile del “Centro di ricerca per la pace e i diritti umani” di Viterbo
Viterbo, 29 marzo 2014

* * *

Allegato: Testo della lettera del 15 marzo 2014 all’Assessore ai servizi sociali ed al Sindaco del Comune di Viterbo

All’Assessore ai servizi sociali del Comune di Viterbo
al Sindaco del Comune di Viterbo
e per opportuna conoscenza: agli altri componenti della Giunta comunale

Oggetto: Proposta di concessione della cittadinanza onoraria ai bambini nati a Viterbo da genitori non cittadini italiani

Egregi signori,
come vi sarà già noto, in molti Comuni d’Italia – da Venezia a Palermo – si sta procedendo alla concessione della cittadinanza onoraria ai bambini nati nel territorio di quei comuni da genitori ivi residenti non cittadini italiani. L’iniziativa ha l’ovvia finalità di promuovere la consapevolezza che a tutte le persone che nascono nel nostro paese devono essere riconosciuti ipso facto gli stessi diritti di tutte le altre persone nate nel nostro paese. Sarebbe assai apprezzabile che anche il Comune di Viterbo adottasse tale provvedimento dal profondo valore morale e civile, un atto simbolico che costituisce altresì un invito al Parlamento affinché legiferi finalmente il riconoscimento della cittadinanza italiana a tutti i nati nel territorio della Repubblica (il cosiddetto “ius soli”). Sono pertanto a proporvi di farvi promotori di una proposta di deliberazione affinché il Consiglio comunale di Viterbo decida di concedere la cittadinanza onoraria ai bambini nati a Viterbo da genitori non cittadini italiani.

Distinti saluti,
Peppe Sini, responsabile del “Centro di ricerca per la pace e i diritti umani” di Viterbo
Viterbo, 15 marzo 2014