“Panem et circenses”

0
168

Da Pasquino dell’Ottimo Consiglio un nuovo sonetto dal titolo “Panem et circenses”

Er pane coi circensi pei romani
Voleva dì te do er divertimento
Pure un tozzo de pane pe’ alimento,
Pe’ tutto er resto lavate le mani

Lascice fa’ che ce pensamo noi.
Noi te diremo quello che poi dì
Faremo un gesto e dovrai di de si
E smetti de pensà quello che voi.

A distanza de un par de mila anni,
Quanno pensi ch’er monno s’è evoluto,
Giocanno co’ le chiacchiere e l’inganni,

Quarcuno ciariprova e fa er cazzuto.
E a chi je dice che fa solo danni,
Er popolo, risponne, m’ha voluto.

Je damo er benvenuto?
Io dico che se er popolo è minchione
Se merita d’annà dentro ar burrone.

Pasquino dell’OC

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY