“Er sinneco raggioniere”

Da Pasquino dell’Ottimo Consiglio un nuovo sonetto dal titolo “Er sinneco raggioniere”

Mo che stamo a la fine dei cinqu’anni
Che cianno fatto sta’ a lo stato brado
Che cianno sprofonnato ner degrado,
Penseno forse de tajà li danni

Facenno quarche strada e quarche striscia
A quarche ramo danno ‘na tajata
Correnno assai pe la differenziata
Come a uno che je scappa la piscia.

Dicheno che quest’anni so’ serviti
Pe fa’ quadrà li conti dissestati
E quindi hanno da esse riveriti

Pure se so’ mancati i risultati.
E a tutti quelli che se so’ pentiti
Je mostrano i bilanci pareggiati.

Forse un po’ imbarazzati.
Perché questo vor dì che ar potere
Adè mejo mannacce un raggioniere

 

Pasquino dell’OC