Dall’opposizione una mozione urgente per abbattere la pressione fiscale

474

CIVITAVECCHIA – Mozione urgente della minoranza per l’abbattimento della pressione fiscale. L’hanno presentata i consiglieri Marco Piendibene, Rita Stella, Marco Di Gennaro, Pietro Tidei e Mirko Mecozzi, i quali evidenziano come la Città stia attraversando “una crisi economica senza precedenti che amplifica gli effetti della congiuntura internazionale”, oltre a numerose vertenze occupazionali che gravano sul nostro territorio. A tutto ciò è seguito “un grave incremento della pressione fiscale”, con particolare riferimento all’addizionale Irpef, la cui aliquota è passata dallo 0,3 allo 0,7%, all’Imu/Tasi,e alla Tares/Tari, per le quali secondo gli esponenti di opposizione si profilano maggiori esborsi rispetto a quelli dello scorso anno. Circostanze che impongono “a qualsiasi livello istituzionale di attuare ogni misura e provvedimento utile per agevolare le famiglie e le imprese in difficoltà”.
Per questo i cinque consiglieri di opposizione propongono nella loro mozione di impegnare il Sindaco e la Giunta “a destinare, in via prioritaria, le maggiori entrate derivanti dalla lotta all’evasione alla riduzione della pressione fiscale per conseguire l’obiettivo di una maggiore equità sociale; ad assumere iniziative, di concerto con l’Autorità Portuale, volte a prevedere che gli introiti derivanti dal traffico croceristico e da un incremento del sistema dei trasporti e dei servizi ad uso dei turisti, facciano riferimento alle nostre municipalizzate ed agli operatori del nostro territorio; ad istituire un rigoroso sistema di controlli atto a colpire ogni forma di abusivismo nel trasporto dei croceristi verso la Capitale con mezzi privi di qualunque autorizzazione; ad adottare iniziative per potenziare il servizio di riscossione, valutando eventualmente una sinergia tra gli uffici comunali ed HCS, e dotare il sistema tributario degli strumenti più idonei per la lotta all’evasione e per il recupero delle morosità pregresse; ad assumere iniziative, anche di carattere regolamentario, volte ad introdurre in tempi rapidi un sistema di agevolazioni tributarie per i nuclei familiari con comprovate difficoltà economiche”.