Attivisti M5S: “Un 2020 inconcludente per l’Amministrazione Tedesco”

24

CIVITAVECCHIA – Dagli attivisti del M5S riceviamo e pubblichiamo:

“Tiriamo le somme di questo anno di amministrazione Tedesco a dir poco deludente, probabilmente anche per chi ha riposto la propria fiducia in questa amministrazione votandola.
Di sicuro politicamente questo 2020 sarà ricordato come l’anno delle continue liti di maggioranza con diversi consiglieri saltati da un partito all’altro, 5 assessori defenestrati senza che la città ne sappia i motivi e 3 consiglieri esclusi dalla maggioranza che oggi si regge per scommessa. E’ inoltre notizia di pochi giorni fa che anche uno stretto collaboratore del sindaco se ne sia andato sbattendo la porta. Chissà se il prossimo anno staremo ancora a parlare di Tedesco oppure delle nuove elezioni…

Ma veniamo a quello che a noi e ai cittadini interessa: il bene della città. Cosa è stato fatto in questo anno di amministrazione?
Sull’ambiente un vero e proprio disastro: al rinnovo dell’autorizzazione per TVN non è stato ridotto un grammo di carbone bruciato, sull’itticoltura ancora oggi non si conosce il destino
dell’ultimo pezzo di mare di Civitavecchia, sulla raccolta differenziata completamente stravolta e depotenziata si registrano percentuali diminuite, plastica differenziata piena di impurità, uno scarso uso dei mastelli senza alcun tipo di azione di sensibilizzazione da parte dell’amministrazione che ha interrotto la campagna di comunicazione, all’orizzonte incombono due nuove centrali a gas, un inceneritore a confine con Tarquinia e un biodigestore in zona industriale da 70mila tonnellate (oltre ad un ulteriore impianto per i rifiuti su cui l’amministrazione tiene inspiegabilmente il massimo riserbo).
Solo pochi giorni fa è stato aperto il parco don Egidio Smacchia a via Veneto senza gestore poiché è stato revocato il relativo bando, il parco Spigarelli è ancora chiuso e senza bando per la gestione, il parco Saraudi revocato in cambio di nulla e il bike sharing con le bici pronte da mesi in magazzino e mai avviato.
Sulla partecipata CSP e sugli appalti di pulizie e portierato è stato un anno di incertezza per i lavoratori che ancora non sanno che fine faranno, oltre alla chiusura della farmacia della Stazione che poteva essere una sicura fonte di reddito con il ritorno dei crocieristi.
Nulla sulle importanti manutenzioni scolastiche che avevamo pianificato e finanziato come M5S: la riapertura della scuola Calamatta, oltre 600mila euro di lavori alla scuola Rodari e la riqualificazione della palestra della scuola Cialdi. Tutto tace.
Nulla sull’impiantistica sportiva nonostante i 3,5 milioni che abbiamo lasciato oltre un anno e mezzo fa per lo Stadio Fattori, solo chiacchiere all’orizzonte per la pallamano, lo Stadio del Nuoto Marco Galli chiuso e lo Skate park revocato in cambio di nulla.
Nulla sul completamento del Mercato nonostante i lavori già affidati alla ditta…anche questo revocato in cambio di nulla. Nessuna notizia sulla Terrazza Guglielmi, per la quale c’erano progetto pronto e denaro stanziato. Nulla sulla Ficoncella per la quale è stato revocato il bando quando era rimasto un solo partecipante alla gara e si rischia che resti chiusa ancora per molto.
Questo lungo elenco, sicuramente incompleto, dimostra che nonostante la terribile epidemia di Covid che ha colpito tutti noi, queste opere potevano e dovevano essere realizzate da un’amministrazione che dovrebbe avere come priorità il bene della città e non le proprie beghe”.

Attivisti M5S