S. Marinella. Tarantino e Barbazza: “Inaccettabili le critiche di Fratturato sulla farmacia comunale”

62

SANTA MARINELLA – Il delegato alla Farmacia Comunale dott. Carlo Tarantino e l’assessore Renzo Barbazza replicano agli esponenti dell’opposizione Francesco Settanni, Francesco Fiorucci ed Eugenio Fratturato sul tema della farmacia comunale.

“Che il consigliere Settanni, ormai passato armi e bagagli con gli ex amministratori e il consigliere Fiorucci siano intervenuti sulla questione ‘annosa’ della farmacia comunale non sorprende più di tanto, essendo alla loro prima esperienza politica locale.
Ma che lo faccia anche Eugenio Fratturato, che per più di 10 anni ne è stato il delegato intoccabile, facendone il bello e soprattutto il cattivo tempo con una gestione personalistica e con i risultati che conosciamo e per i quali è il primo responsabile, questo francamente non può essere accettato, in quanto c’è un limite alla decenza politica.
La nostra amministrazione ha ereditato una situazione disastrosa che l’ha costretta a dichiarare il dissesto finanziario, a causa di 10 anni di mala politica, e ciononostante sta faticosamente affrontando e risolvendo problemi secolari che si sono aggravati nel corso del tempo.
Dalla carenza di personale, all’insufficiente approvvigionamento dei farmaci, alla divisione della gestione della farmacia in una parte economica e una tecnica con il risultato di creare un vuoto comunicativo tra i 2 settori, disperdendo il bilancio specifico farmaceutico in tanti rivoli indifferenziati tali da far perdere ogni traccia della reale contabilità della farmacia, oltretutto senza mai porre al centro la natura ‘sociale’ o avviando iniziative utili alla cittadinanza (consegne a domicilio per le persone particolarmente fragili, servizi sanitari e parasanitari volti a ridurre le liste di attesa e a decongestionare gli ambulatori dei medici di famiglia o della Asl).
Niente di tutto questo è stato fatto per anni, ed ora si tenta scorrettamente e demagogicamente di puntare il dito contro una maggioranza che sta facendo il possibile e anche l’impossibile per far uscire la farmacia comunale dalla palude in cui è stata spinta, tentando, altresì, di riscoprirne il significato sociale e pubblico, a partire dalla volontà di scongiurarne la privatizzazione ma, al contrario, di tentare, se possibile una gestione in house, come sta avvenendo in molte realtà del comprensorio”.

Dott. Carlo Tarantino
Dott. Renzo Barbazza