“Er marziano”

0
145

Da Pasquino dell’Ottimo Consiglio un nuovo sonetto dal titolo “Er marziano”

Ho strofinato l’occhi co’ la mano
E me so’ detto: questo adè un miraggio
Ce stava sotto casa un personaggio
Che d’acchitto poteva esse un marziano

La tuta gialla i guanti e li scarponi
Tajava l’erba sopra ar marciapiede,
La gente a domannasse: che succede?
So’ cose vere o so’ allucinazzioni?

Perché oramai se semo abbituati
A vive in mezzo all’erba e a la monnezza
E tanti se so’ proprio rassegnati

Pensanno pure che nun c’è sarvezza.
Ne sta città se semo meritati
De rinuncià persino a la bellezza.

E questa è ‘na stranezza
Perché si a Citavecchia aderi nato
Pensavi d’esse stato fortunato.

Pasquino dell’OC

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY