0
343

CIVITAVECCHIA – Da Pasquino dell’Ottimo Consiglio un nuovo sonetto dal titolo “Er gabbiano”.

Sentivo l’artra notte assai vicino
Lo stridio d’un gabbiano su un terrazzo
E me so’ detto subbito: che cazzo
Ce dev’esse qua intorno un acquitrino.

Me so’ affacciato e un puzzo de caprino
M’ha invaso le narici proprio a razzo,
Sopra li cassonetti der palazzo
Tre gabbiani faceveno un festino.

Se so’ sbajjati me so’ detto pronto
Se credono che questo è er monnezzaro
Nun se saranno proprio resi conto.

Poi tutto invece è diventato chiaro:
Er gabbiano nun se po’ dì ch’è tonto,
Va dritto dove vede ch’è un porcaro.

Pasquino dell’OC

SHARE

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY