Successo per la X edizione del festival “Pagine a Colori”

0
221

TARQUINIA – «In ogni nascita c’è un inizio. E gli inizi generano futuro. “Pagine a Colori” si è chiuso rivelando altri “inizi” che sono quelli dei pensieri e delle emozioni suscitate nei tanti visitatori di questo mese e che ci auguriamo prendano forma nel desiderio condiviso di proseguire e di migliorare». Lo dichiara il direttore artistico del festival Roberta Angeletti (nella foto) , che il 13 dicembre ha tenuto il laboratorio per bambini dal titolo “Prima l’uovo o la gallina?” che, insieme al concerto del CoroaColori (fatto unicamente di bambini e genitori e diretto dai maestri Luca Purchiaroni e Maria Laura Santi), ha concluso la X edizione della rassegna. «In mille modi e attraverso i più imprevedibili percorsi, in queste quattro settimane abbiamo esplorato quel territorio fatto di misteri, riflessioni e grandi domande sul senso dell’origine di tante e tante cose. – prosegue – Lo abbiamo fatto attraverso libri, immagini, racconti, letture, dibattiti con ospiti davvero speciali e note natalizie, coinvolgendo un pubblico molto numeroso e variegato e constatando con infinito piacere la possibilità (più che concreta) che la cultura possa essere veramente una cosa viva, che si possa “afferrare ciascuno a suo modo, proprio perché si costruisce in una relazione intensa e personale, che poi si è in grado di condividere con tutti” (Franco Lorenzoni). Lo strumento scelto per favorire un tale fenomeno è il libro illustrato (e volutamente non diremo “per bambini”) e grazie a esso, in questi 10 anni, è di fatto maturato quel dialogo (tra istituzioni ma soprattutto tra persone di ogni età, tra pubblico e ospiti, tra bambini e studenti della scuola superiore, tra docenti e organizzatori) che rappresenta il risultato più significativo della manifestazione e nel quale le questioni educative restano sempre centrali e attuali com’è naturale che sia quando si opera a favore della cultura». “Pagine a Colori” continuerà a offrire nei prossimi mesi incontri con gli autori nelle scuole, mostre bibliografiche e concorsi, che hanno come comune origine il desiderio di una qualità che si nutre unicamente del bisogno di proporre altri sguardi sul mondo. «Ne è stata prova anche la bella proiezione di Ernest e Celestine (film d’animazione franco-belga con i disegni di Gabrielle Vincent e la sceneggiatura di Daniel Pennac) al Cinema Etrusco nella giornata di martedì 15, accolta con grande entusiasmo da più di 300 bambini e dalle loro insegnanti. – conclude Angeletti – Alle classi partecipanti è stata donata una copia dell’omonimo libro di Pennac dall’Assessore alla Pubblica Istruzione Sandro Celli che in tal modo, oltre a contribuire significativamente alla promozione della buona lettura a scuola, conferma il proprio apprezzamento per le iniziative del festival».

SHARE

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY