“Er potere e l’onestà”

723

Da Pasquino dell’Ottimo Consiglio un nuovo sonetto dal titolo “Er potere e l’onestà”

Si tutto er giorno dici che sei onesto
E poi te trovo cor bottino in mano
Nun me poi dì che faccio er ciarlatano,
Io parlo, e metto puro er manifesto.

Predicà bene e poi razzola’ male
Vor dì che voi apparì come nun sei
Che poi fa’ concorrenza ai filistei
Che la morale tua adè dozzinale.

E allora amico mio stamme a sentì,
L’anni che ciò me l’hanno ormai insegnato
Che l’onestà nun è che la poi dì,
La devi dimostrà nell’operato.

Chi dice d’esse ar monno l’eccezzione
dè un buciardo oppure adè fregnone.

Pasquino dell’OC