“Che sia un anno di riconquista degli spazi che ci appartengono”

422

CIVITAVECCHIA – Non possiamo adagiarci, come ci dicono i contenuti della stupenda canzone del compianto Lucio Dalla intitolata l’Anno che Verrà, sulle circostanze belle ed auspicabili che poi si concludono nella maniera piu’ scontata e cioè che l’unica novità dall’avvento di un nuovo anno è data dalla speranza di un miglioramento della situazione. Sarebbe come assistere con inerzia alla novità costituita esclusivamente dal trascorrere dei 365 giorni che verranno, armati di tante speranze per il futuro, per poi trovarci come prima e, forse peggio.
L’Anno che sta arrivando al contrario, ed è questo l’Augurio che facciamo a tutti i nostri concittadini, è che possa essere l’Anno della ulteriore presa di coscienza, della riscoperta del senso di civismo, di solidarietà e di partecipazione costruttiva e responsabile alla vita della Città, per cambiare in fin dei conti la rotta che invece, chi ne vuole soltanto beneficiare per i propri fini, ha indirizzato verso l’esautorazione del cittadino dalle scelte, utilizzando il suo allontanamento dalla politica attiva e positiva per nascondere le proprie scarse attitudini anche umane, nella pienezza di se stesso, delle proprie capacità e delle proprie convinzioni, con le quali ha ridotto Civitavecchia ai minimi termini.
Che sia dunque un Anno di rinascita, di riconquista da parte del cittadino degli spazi che gli appartengono.
Che sia un anno nel quale si possa assistere al rilancio della Città, dal punto di vista di una visione di insieme, di sviluppo economico e di buona occupazione, di piena attenzione alla vivibilità complessiva della Città, a partire dalla cura delle strade e degli spazi pubblici, dal servizio idrico funzionante per tutti e di proprietà di nessuno, da un pò di leggerezza nel vivere e nell’affrontare le quotidianità tutte anche e soprattutto con un sorriso.
E che sia un Anno di ritrovata solida unicità di intenti della politica che guarda al progresso, alla democrazia, alle fasce deboli e perché no, ad una Civitavecchia all’altezza delle sue tradizioni di ospitalità ed Antifascismo.

AUGURI

Art.1 MDP – Circolo di Civitavecchia
Associazione ONDA POPOLARE