Aggredisce agenti in preda a un raptus, 29enne in manette

0
374

CIVITAVECCHIA – Ha aggredito un agente e ora dovrà rispondere di violenza, minacce, lesioni volontarie, resistenza ed oltraggio a Pubblico ufficiale. Per questo motivo un cittadino di origine marocchine, S. A., è stato tratto in arresto nella mattinata di ieri dagli uomini del Commissariato di viale della Vittoria.
Verso le ore 8 di ieri, infatti, una volante impegnata nel servizio di controllo del territorio, a seguito di varie segnalazioni pervenute al “113”, si precipitava presso un’abitazione di via Don Milani dalla quale provenivano persistenti urla e rumori violenti. Giunti sul luogo indicato, gli agenti notavano per le scale condominiali due individui discutere animatamente, uno dei quali, alla vista degli agenti fuggiva dal retro facendo perdere le proprie tracce; pertanto, allo scopo di accertare le cause che avevano allarmato i vicini, gli agenti chiedevano all’altro contendente, nel frattempo rientrato in casa, di scendere nell’androne, per riferire la propria versione dei fatti.
L’uomo ottemperava all’invito e, nella circostanza era seguito da un giovane di origini marocchine, già noto alle forze dell’ordine in quanto pluripregiudicato e persona violenta, il quale, nonostante più volte esortato dagli agenti a tornare in casa per essere sentito in seguito, inveiva contro i poliziotti ingiuriandoli e, improvvisamente, sceso velocemente dal piano superiore, si avventava contro un agente che tentava a parole di riportarlo alla calma.
A nulla sono valsi i tentativi di placare la furia dell’uomo che, in preda ad un raptus violento, minacciava pesantemente i tre poliziotti intervenuti, contro i quali si scagliava tentando di colpirli con calci e pugni, venendo immobilizzato. Tuttavia, successivamente, prima di salire sull’auto di servizio per essere condotto in Commissariato, lo straniero sferrava un calcione all’indirizzo di un agente che lo tratteneva e con il quale ingaggiava una violenta colluttazione, scaraventandolo in terra. Finalmente bloccato e posto in condizioni di sicurezza, il fermato, che durante il tragitto per giungere in Commissariato, colpiva con testate il vetro della vettura di servizio, nell’intento autolesionistico, persisteva nel proprio comportamento violento ed altamente minaccioso, venendo contenuto a fatica.
A seguito dell’aspra colluttazione, l’agente colpito necessitava delle cure mediche dei sanitari del Pronto Soccorso e, per i gravi fatti avvenuti e protrattisi anche in Commissariato, lo straniero veniva dichiarato in arresto per rispondere di violenza, minacce, lesioni volontarie, resistenza ed oltraggio a P.U., a disposizione dell’Autorità Giudiziaria, e trattenuto sino all’udienza di convalida fissata per la mattinata di oggi.

SHARE

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY