Mondo Nuovo rievoca il Natale in Piazza S. Maria

426

CIVITAVECCHIA – Anche quest’anno la Comunità Mondo Nuovo Onlus ha rinnovato l’evento della nascita di Gesù con la processione natalizia in onore del gemellaggio tra la Cittá di Civitavecchia e la città di Betlemme.

L’appuntamento ha raggiunto la XIX edizione e la processione partita, dalla Curia di Civitavecchia con la benedizione del Vescovo S.E. Mons. Luigi Marrucci ed accompagnata dalle canzoni natalizie suonate dai volontari amici dalla Comunità,  ha percorso le vie della città ricostruendo in sette stazioni il percorso della nascita di Gesù fino al presepe vivente allestito in piazza S. Maria dai ragazzi della Comunità Mondo Nuovo, una piccola rappresentazione della Natività con una scenografia povera che vuole mettere in evidenza soprattutto il senso religioso del Natale.

L’evento, realizzato in collaborazione con la Curia Vescovile con il patrocinio del comune di Civitavecchia, ha visto protagonisti la Proloco di Civitavecchia e, come ogni anno, i ragazzi della Comunità Mondo Nuovo,  indossando gli abiti d’epoca rappresentando gli antichi romani, i Re Magi, gli angeli e la Sacra Famiglia. 

I ringraziamenti degli organizzatori vanno quindi alla Proloco di Civitavecchia, a Don Damiano Pop che insieme al Presidente e Fondatore della Comunità Alessandro Diottasi hanno guidato il racconto natalizio con la storia e la preghiera, ai cantanti di musica lirica e musica leggera diretti dai Maestri  Kumiko Yoshii e Armando Caforio, al gruppo di ballo A.s.d Urban Stryle di Mariangela Puddu, al negozio di giocattoli “Maga Magò” ed al Ristorante “La Ghiacciaia” per aver fornito la corrente elettrica, a Pubbliworld Italia di Viola Cristian per aver inserito l’iniziativa nel cartellone degli eventi “Natale a Civitavecchia 2017” ed infine ai ragazzi che hanno realizzato la capanna del presepe e l’intero evento. 

Si invitano tutti i cittadini a visitare il Presepe fino al 23 notte, anche in occasione delle Pastorelle, non solo per immergersi nell’atmosfera natalizia ma soprattutto per vivere un momento spirituale volto a riscoprire l’essenza vera del Santo Natale.