Emergenza neve, domani scuole aperte

563

CIVITAVECCHIA – Si è tenuta oggi alle 16.30 la riunione del COI (centro operativo intercomunale) alla Protezione Civile.
Sulla base delle indicazione pervenute dai vari responsabili, si sono prese le seguenti decisioni:

– I cimiteri saranno aperti, a meno che CSP nella mattinata di domani non ravveda la necessità di chiudere integralmente o parzialmente le strutture.
– Gli uffici comunali saranno regolarmente aperti, così come il mercato cittadino.
– Le scuole di ogni ordine e grado saranno regolarmente aperte a meno che nella nottata le precipitazioni previste non creino oggettivi impedimenti alla fruizione dei plessi.
– I riscaldamenti delle scuole, costantemente monitorati in questi giorni per prevenire guasti, saranno accesi a partire dalle ore 5 del mattino.
– Il TPL funzionerà regolarmente.
– Sarà possibile conferire normalmente i rifiuti, non sarà emessa una nuova ordinanza di divieto.

“Dalla riunione di oggi è emerso che tutte le scuole della città sono regolarmente fruibili – spiega il Sindaco Antonio Cozzolino – le previsioni metereologiche danno per stanotte delle leggere precipitazioni nevose la cui intensità, stando ai bollettini ufficiali della Regione Lazio, non è paragonabile a quella che si è verificata nella notte fra domenica e lunedì. Quindi il COI, sentiti anche i dirigenti scolastici in una riunione appositamente tenutasi con l’assessore Lecis e la funzionaria della Pubblica Istruzione, ha deciso che le scuole rimarranno aperte a meno che nella nottata le condizioni non dovessero mutare improvvisamente in negativo oltre quanto previsto. Le condizioni meteo verranno quindi costantemente monitorate ed eventuali comunicazioni che si dovessero rendere necessarie verranno date il più tempestivamente possibile. Nel frattempo è stata organizzata nella nottata un’ulteriore opreazione di spargimento di sale nei pressi di tutte le scuole da parte degli operai del Comune, di CSP e dei volontari della Protezione Civile. Ribadisco quindi che le scuole rimarranno aperte e pre-avviso di tenere monitorati i canali di comunicazioni ufficiali del Comune e delle rispettive scuole nel caso si rendessero necessarie decisioni dell’ultimo momento”.