Ladispoli. Piazza Grande, il M5S: “Il Sindaco smentisce sé stesso e getta la maschera”

529

LADISPOLI – “Apprendiamo sgomenti, dalle parole del sindaco Grando, che il famigerato progetto Piazza Grande potrebbe ripartire, essendo vicino un accordo tra le parti”.

Lo dichiara il Movimento Cinque Stelle di Ladispoli secondo cui “il Sindaco, che aveva fatto della tutela del territorio e dello stop al cemento la sua bandiera elettorale, smentisce ancora una volta se stesso, riducendo a carta straccia il suo programma e mostrando l’inadeguatezza di questa Amministrazione e l’incapacità di portare a termine gli impegni con decisioni prese e revocate a distanza di pochi giorni.”

Il progetto di speculazione edilizia sul terreno del vecchio campo sportivo – affermano i grillini locali – presentato dalla società Piazza Grande (notoriamente amica dei politici ladispolani), rappresenta una ferita per i cittadini di Ladispoli e una delle peggiori pagine della politica locale. Un progetto che, ricordiamo, prevede la costruzione di palazzi di 5 piani e dell’ennesimo supermercato su un’area destinata (secondo il Piano Regolatore) a verde e servizi, con l’inevitabile ulteriore incremento del traffico su via Settevene–Palo, già notoriamente congestionata e un nuovo sovraccarico per le disastrate fogne della zona. Dopo anni di battaglie, il Movimento 5 Stelle, nel luglio 2017, presentò all’Amministrazione appena insediata un documento che richiamava gli illeciti e le forzature di legge che, la precedente giunta Paliotta, aveva messo in campo per dare una parvenza di legittimità al progetto. Il sindaco Grando, il 2 novembre 2017 annunciò l’annullamento del progetto, appellandosi proprio alle violazioni ed irregolarità da noi evidenziati. In conseguenza di ciò, il Tar Lazio sospese il ricorso presentato dal M5S contro la cementificazione dell’area”.

“Ebbene – proseguono – a distanza di soli 3 mesi, il Sindaco si rimangia tutto e annuncia una trattativa in corso con i costruttori. Anzitutto, vorremmo far presente al Sindaco che quel progetto, pieno di irregolarità, da lui stesso riscontrate, rimarrebbe illegittimo anche con le fantomatiche modifiche ipotizzate. Ma soprattutto, segnaliamo al Sindaco che il progetto Piazza Grande è stato annullato dalla sua Amministrazione e lui sta annunciando modifiche a qualcosa che non esiste più. Sono, quindi, molte le cose che non quadrano nella vicenda e per questo chiediamo al Sindaco Grando di fornire una relazione in consiglio comunale e di aprire un confronto con tutte le forze politiche, piuttosto che incontrare furtivamente la Società proponente”.

“Dobbiamo purtroppo constatare – concludono dal Movimento – che le innumerevoli promesse di cambiamento annunciate dal Sindaco, si stanno rivelando un bluff. A maggior ragione, il Movimento 5 Stelle proseguirà il suo impegno a tutela dei cittadini e del territorio, richiedendo anzitutto al Tar la riattivazione del ricorso contro la cementificazione dell’ex campo sportivo e proseguendo la battaglia contro il cemento (tanto caro ai politici) e il lavoro per una città più vivibile ed efficiente”.