“Caro Babbo Natale, Civitavecchia ha bisogno del tuo aiuto”

590

CIVITAVECCHIA – Caro Babbo Natale
Mai come quest’ultimo anno la nostra città ha avuto bisogno del Tuo aiuto.
Abbiamo la disoccupazione in aumento come l’emergenza abitativa, le società municipalizzate vicino al fallimento,i servizi scadenti,le strade mal ridotte,l’acqua che scarseggia dai rubinetti, ma abbonda nelle dispersioni,trasporti urbani ridotti al minimo,i parchi incolti,il traffico al collasso,la raccolta rifiuti con gravi ritardi,il depuratore e collettore ai limiti,il commercio in piena crisi, il mercato in una estenuante attesa di sistemazione definitiva,i pendolari scontenti,le tradizioni non rispettate,il teatro in diminuzione di utenza, le strutture sportive obsolete ecc, ecc.
Caro Babbo Natale, siamo delusi e amareggiati perchè la nostra Amministrazione è ormai autoreferenziale, lontana dai problemi reali, dalle assunzione di responsabilità, ricalcando gli atteggiamenti della peggiore politica che prediligeva dare le colpe ad altri o al passato, ad evitare la dimostrazione di manifesta incapacità.
Caro Babbo Natale, sappiamo che i problemi riguardano anche la Nazione e la Regione, capiamo pure che sistemare il tutto in pochi anni sarebbe stato difficile, proprio per questo Ti chiediamo di fare in modo che vengano fissate delle priorità e magari risolte,partendo dalle cose più semplici e meno costose, almeno per legittimare i costi della politica pagati dai cittadini.

Civitavecchia c’è.