Trovati i soldi, il Civitavecchia si iscrive alla D

civitavecchia calcioCIVITAVECCHIA – Il Civitavecchia si iscriverà alla serie D. La conferma è arrivata stamane al termine dell’incontro tra il Presidente Adriano Clemeno ed il Sindaco Pietro Tidei che, insieme al Delegato allo Sport Ivano Iacomelli, si è attivato per reperire tra imprenditori e privati i 18.000 euro necessari all’iscrizione della squadra nerazzurra tra i Dilettanti. A contribuire sono stati Conad, Fondazione Cariciv e Autorità Portuale, oltre all’ex Presidente Umberto Tersigni. Pace fatta, dunque, almeno per ora tra Tidei e Clemeno dopo gli accesi scambi di accuse dei giorni scorsi, anche se il futuro assetto societario del Civitavecchia è ancora da decidere. Clemeno ha manifestato la disponibilità a farsi da parte da Presidente qualora subentrino forze realmente interessate a rilevare la società; e in tal senso, come prospettato da Tidei, sembra tornare in auge il progetto di una cordata di imprenditori locali pronti ad assumere la guida societaria. In quest’ottica, quindi, potrebbe rientrare in gioco anche Roberto Melchiorri. E gli obiettivi della squadra in vista del prossimo campionato sono legati inevitabilmente al futuro assetto societario, che determinerà progetti più o meno ambiziosi, leggasi corsa alla salvezza o ai quartieri alti della classifica. Per il momento, pertanto, ancora nessuna certezza su chi rimarrà e chi partirà della attuale rosa. Di certo l’interessamento del Comune per iscrivere alla Serie D il Civitavecchia Calcio rischia di creare una nuova astiosa polemica tra le società sportive cittadine, moltissime delle quali alle prese con gravi difficoltà economiche per iscriversi nei rispettivi campionati.
“CIemeno è stato vittima di Moscherini – il commento di Tidei – ma ha ammesso l’errore pentendosi. Si è fidato di lui e si è ritrovato …a terra. E non e’ stato il solo. Ora per il Civitavecchia calcio è il day-after, il giorno dopo la distruzione, e deve rappresentare un nuovo inizio perché si tratta di un importante patrimonio sportivo per la città, con al sua storia ed il suo seguito. Speriamo che questo passo porti ad una rinascita della società e che presto i tifosi possano vederla lottare per serie che le si addicono di più, come la C2”.