Tirreno Atletica esplosiva al Trofeo Liberazione

davide galeani atleticaCIVITAVECCHIA – Tirreno Atletica presente alla 64^ edizione del Trofeo della Liberazione, storica manifestazione che si svolge ogni anni il 25 aprile e dedicata in questa occasione al partigiano Rosario Bentivegna, recentemente scomparso. Ben 1500 gli atleti in gara, in tutte le categorie, tra cui figure di spicco dell’atletica nazionale
Cominciando dai più piccoli, sulla distanza dei 50m le sorelle Gemma (classe 2005) e Chiara Pantano (classe 2001) concludono la gara in 10”80 e 8”12 piazzandosi a medaglia; e ancora Chiara bissa la medaglia nei 600m con il tempo di 2’09”40.
A seguire 60m cat. Ragazze con Chiara Capolonghi che, inserita nella prima batteria con avversarie competitive, conclude 6^ in classifica generale con il tempo di 9”17 e nella prova di salto in lungo segna la misura di 3,55m.
I 600m impegnano Flavia Focone all’inseguimento della testa del gruppo; l’atleta locale riesce a piazzarsi seconda con il tempo di 1’52”91 con Federica Stazi 5^ in 1’54”61, entrambe al primato personale.
Per i Cadetti (anno 97-98) bene i 1000m d Davide Galeani e Antonio Giordano che segnano entrambi il personale di 3’08”29 e 3’13”92; negli gli 80m Enrico Berretti conferma le sue doti da velocista e sale sul podio con un argento per il suo 9”81 mentre Luca Avalos Scarduelli si piazza a metà classifica con il tempo di 11”11.
Alla prova dei 300m Lorenzo Patanè è 5° in classifica generale con il crono di 40”05 e Andrea Flaccavento vince la sua batteria in 41”35 e si piazza 8° totale; per entrambi miglior prestazione stagionale. Ancora podio per lo più biancoceleste nel salto in alto con Patanè sul gradino  più alto con la misura di 1,58m mentre Flaccavento con 1,56 coglie argento e nuovo personale.
Prima della pausa pranzo l’accesa sfida della 4×100 scende in pista e la formazione civitavecchiese composta da Scarduelli-Patanè-Flaccavento-Berretti non lascia spazio ai giochi avversari e vince in 48”26; tutti felici per il gradino più alto del podio, i tecnici Rambozzi e Flaccavento in primis, ma soprattutto i ragazzi che hanno conquistato il pass per assistere al prossimo Golden Gala che si terrà alla Stadio Olimpico il 31 maggio dove potranno avvicinare tutti i loro idoli.
Nel pomeriggio è il turno degli Assoluti. Le prime a scendere in pista sono Cappalunga Federica e Impastato Elisa, sulla distanza dei 150 metri, che giungono rispettivamente 2^ e 3^ nella stessa serie, dopo un emozionante testa a testa nel rettilineo finale: 21.82 (pb) e 22.14 il responso cronometrico per loro. Nella gara al maschile Nehizena Endurance vince la propria serie con un probante 17.57.
E’ la volta del mezzofondo. Paola Tiselli si schiera alla partenza dei metri 1000 e con una gara regolare ferma i cronometri a 2.58.81 sotto la sempre impegnativa barriera dei 3’. Federico Orlando, nella seconda serie maschile, infrange la barriera dei 2’40’’ auspicabile alla vigilia e con 2.39.72 arriva al primato personale. Sulla stessa distanza Riccardo Virtuoso, classe 1937, con 3.53.03 mette la sua firma sul record italiano della categoria master MM75, obiettivo dichiarato alla partenza, primato che fa coppia con quello, già in suo possesso, della categoria MM70.
Nei 1500 Allieve Isabella Papa mette il suo sigillo anche nel Trofeo Liberazione vincendo con 4.45.00 una gara condotta in testa dall’inizio alla fine; nella stessa gara Elena Rumolo, all’esordio sulla distanza, chiude 5^ con 5.16.32.
Vittorio Casalini, sui 3000 metri, riesce a trovare subito la giusta cadenza, a ridosso del gruppo di testa inanella giro dopo giro chiudendo in 9.18.09 una gara che va letta positivamente in prospettiva 5000 metri.
A chiudere l’intenso programma di gare la prova dei 500 metri. Si inizia con quella femminile dove Gigliola Giorgi chiude il gruppo delle migliori con 1.22.24. Nella prova maschile Jonathan Massi, al rientro agonistico, segna con forte determinazione un 1.12.32 di buon auspicio in prospettiva 400 con ostacoli. Federico Ubaldi, nella serie successiva, coglie un secondo posto in prepotente rimonta siglando il tempo di 1.06.89 che lo lancia al 7° posto della classifica generale e che gli apre buoni orizzonti sulla gara da lui preferita, il doppio giro di pista.