Serramenti Sartorelli Asp, la vittoria della svolta?

btr

CIVITAVECCHIA – Una prova super, che può cambiare il trend della stagione. È quella della Serramenti Sartorelli Asp, che sabato sera al Palasport ha letteralmente strapazzato per 3-0 la Roma XX, al termine di una gara dominata dall’inizio alla fine, soprattutto grazie ad un’ottima prestazione a muro. Diversamente da quanto avvenuto nelle ultime due uscite contro Viterbo e Roma Volley, i rossoblu non hanno avuto cali di tensione durante tutto il confronto, anche se qualche scelta arbitrale dubbia, da una parte e dall’altra, ha fatto innervosire i ragazzi in campo. A farne le spese è stato il centrale Antonio Piscini, espulso a cavallo tra il secondo ed il terzo quarto, così come un giocatore della formazione capitolina. Nell’ultimo set, il classe ’81 è stato sostituito egregiamente dal giovane Biscarini.
“Sono soddisfatto – ammette il tecnico Alessandro Sansolini – perché abbiamo giocato una buona pallavolo e siamo sempre stati concentrati sulla sfida. Abbiamo dominato un avversario che in classifica aveva cinque punti in più di noi e questo è un doppio vantaggio. Ci prendiamo tre punti importanti e ci avviciniamo alla parte alta della classifica. Obiettivo playoff? Non ci pensiamo, vediamo partita dopo partita”.
Nonostante il successo, la Serramenti Sartorelli Asp non esce dalla zona playout. I rossoblu sono terzultimi con 18 punti, gli stessi della Fenice. Ma la zona salvezza è ad un solo punto di distanza ed i playoff a cinque.

Sconfitta pesante per la Margutta Asp nell’ultima giornata di andata di serie C femminile. Dopo essere state in vantaggio per 1-0 (19-25) e poi per 2-1 (23-25), domenica pomeriggio le rossoblu sono state superate per 3-2 sul campo del Duemila12, formazione che occupa il terzo posto della classifica del girone B. A pesare enormemente sull’economia della sfida è stato il quarto set, che ha visto le civitavecchiesi sempre in vantaggio ed in controllo della sfida, grazie anche ad una prova decisamente positiva dell’opposto Scisciani. Un calo nella fase centrale e nel finale ha permesso alle padrone di casa di ribaltare il punteggio e di pareggiare (25-23). Poi il contraccolpo psicologico ha fatto il resto al tie break (15-7). Un’occasione sciupata da Iengo e compagne, che ora si trovano al secondo posto della classifica, con due punti in meno della capolista Virtus Latina, vittoriosa per 3-0 sul campo del Quintilia.
“Per me sono due punti persi – afferma senza mezzi termini coach Alessio Pignatelli – perché sul 2-1 dovevamo chiudere la partita, anche perché stavamo gestendo il vantaggio bene. Nella parte centrale del set loro hanno avuto un momento di difficoltà e noi, invece di approfittarne, siamo calate con loro. Dispiace chiudere così il girone di andata, ma questo ko deve stimolarci a fare di più. Nel girone di ritorno proveremo a vincerle tutte”.