“Palla Ovale”. A tu per tu con Enrico Diottasi e Tiziano Tuscolano

0
249

CIVITAVECCHIA – Continua la conoscenza del mondo della “Palla Ovale”, rubrica settimanale nella quale presentiamo educatori/allenatori ed accompagnatori/dirigenti del CRC. Sono di scena stavolta Enrico Diottasi e Tiziano Tuscolano.

“Ci aspettano tanti appuntamenti importanti per la Under 8 del CRC – inizia così la sua intervista Enrico Diottasi – molti incontri di gioco , circa uno ogni quindici giorni. Ho iniziato ad allenare molto presto a sedici anni. Nell’anno in cui ho preso l’abilitazione per allenare ero il più giovane in tutta Italia riconosciuto dalla Federazione Italiana Rugby. Attraverso dei maestri che mi hanno insegnato i fondamentali , come per esempio Fabrizio Regina , ho iniziato il percorso di educatore/allenatore di Rugby. Quando insegno il Rugby mi rivedo come ero io che toccavo e giocavo con quella palla dalla forma strana. Il Rugby è sicuramente una ‘Scuola di Vita’, una palestra che si utilizza come esperienza di vita quotidiana. Chi ha i propri figli/e che giocano a Rugby deve continuare a seguirli , aiutando gli educatori/allenatori per l’obiettivo educativo, ossia assisterli , incentivarli si deve andare tutti nella stessa direzione. Il Rugby è uno sport per tutti quindi invito a farlo provare a grandi e piccoli”.

“Essere accompagnatore/dirigente di una squadra di Rugby ,in particolare della Under 8 del CRC è una cosa meravigliosa, bellissima per me – racconta invece Tiziano Tuscolano – Vedendoli sia in allenamento che in partita è una sensazione indescrivibile. Non ci sono particolari difficoltà nel far rispettare le regole di questo sport, forse ci sono alcuni casi in cui i genitori ,non conoscendolo a fondo, non sanno che il principale obiettivo del Rugby per i bambini è quello di stare insieme e divertirsi anche con quelli delle altre squadre e non quello di vincere la partita. La forza di ricoprire questo ruolo di accompagnatore/dirigente volontario e non retribuito è dato dal fatto di vedere i bambini che entrano ed escono dal campo col sorriso. Il Rugby ti insegna ogni momento che lo vivi , invito a tutti a provarlo”.

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY