I Campionati italiani esaltano i Cadetti della Tirreno Atletica

CIVITAVECCHIA – Non hanno deluso le aspettative i ragazzi civitavecchiesi della Tirreno Atletica presenti al grande evento tricolore U16 di Parma: tre individualisti e una portacolori della squadra laziale hanno confermato con determinazione la voglia di essere protagonisti. I risultati sono il frutto certamente di una preparazione accurata e costante, i ragazzi poi hanno aggiunto quel “quid” che serve per fare la differenza, gareggiando con la mente lucida e con tanto sentimento di appartenenza alla maglia cittadina, aggiungendo, a più ampio spettro, la consapevolezza che insieme ai tecnici, alle famiglie, agli atleti che incontrano nel loro percorso, stanno costruendo il loro futuro sportivo e di vita.

2000m per Leonardo Dolci che, oltre al PB, indossa la medaglia dell’8° posto sul podio dei Campionati italiani e riscrive la storia del record cittadino sulla distanza in 5’51”61. Gara ricca di contenuti agonistici con continui cambi di ritmo e atleti di pari valore impegnati in una lunga volata. A sostituirlo sul podio, sempre in 8^ posizione, Myriam Tofi (al primo anno di categoria) che conclude in 6’43”32 la stessa distanza di gara, dopo una concitata volata e con le atlete raccolte in un fazzoletto di pochi centesimi.

1000m con Sara Pontani, gara nervosa con spinte e pressioni tra le contendenti al titolo, Sara riesce a districarsi bene e si piazza 5^ in 3’04”18 portando 17 punti alla squadra laziale.

Alla pedana dei salti, Gabriele Tarricone ottiene la seconda miglior prestazione stagionale con 1,81m, stessa misura dell’atleta pugliese ma per una differenza di errori è quest’ultimo a salire sul podio in 8^posizione, dopo una gara molto intensa e lunga, con atleti racchiusi in pochi centimetri.

Il club civitavecchiese è esaltato dalla trasferta parmense, “due giorni di gare appassionanti – sottolinea il Presidente Claudio Ubaldi la conferma che l’atletica italiana è viva e in pieno fervore, con le parole dei campioni olimpici Gabriella Dorio e Massimo Stano che riecheggiano nelle menti degli atleti, parole di incoraggiamento e incitazioni a credere nei propri sogni e alimentarli con le esperienze vissute” il commento dei tecnici è entusiasta ”gli atleti hanno reso oltre ogni aspettativa. Presentarsi all’appuntamento più importante dell’anno per la categoria cadetti e siglare o sfiorare il personal best classificandosi nella TOP TEN italiana è segno di grande maturità e di grande carica agonistica. Un’emozione coinvolgente vederli lottare su ogni metro di gara, per ogni centimetro da superare e poi subito dopo il traguardo vederli piangere commossi, quasi a sciogliere quella tensione agonistica che stringeva loro lo stomaco. Va sottolineata la condizione e preparazione atletica che li ha portati a raggiungere la forma migliore nell’appuntamento più importante, merito questo del gruppo allenatori e della struttura societaria.”

 

Patrizia Rotolo