Felice Raponi: “Il rugby è rispetto delle regole e amicizia”

1231

CIVITAVECCHIA – Scalda i motori il settore giovanile del Club Rugbystico Centumcellae, che da lunedì 3 settembre riprenderà la sua attività sull’erba del “Moretti-Della Marta”. Ne parliamo con il coordinatore Felice Raponi, leggenda del Crc e del rugby civitavecchiese.

La parola rugby per Felice Raponi cosa significa?

“Come abitualmente uso insegnare ai ragazzi che per la prima volta si avvicinano a questo sport per far comprendere la parola rugby ci vuole rispetto delle regole che altri sport non hanno ed amicizia intesa come stare insieme”.

Quale è stato per te il momento più bello come rugbista?

“Quando ho vinto la Coppa Italia con la Rugby Roma oltre ai miei anni in società come Lazio, Viterbo, Rugby Roma e soprattutto Civitavecchia”.

Cosa ha fatto Felice Raponi oltre ad essere ex pilone di Crc, Lazio e Roma in serie A dalla Rugby Roma (all’epoca Rolly Go)?

“Oltre ad aver militato in squadre che mi hanno dato enormi soddisfazioni a livello agonistico, debbo ringraziare ogni giorno questo sport perché mi dà la possibilità di insegnare a tanti giovani atleti. Alcuni di questi, dopo averli visti crescere sin dagli inizi, li vedo debuttare in serie B, debbo confessare mi viene una fortissima emozione”.

Che cosa prevede per il futuro per il CRC?

“Con questo gruppo portiamo avanti un progetto continuo. Di certo il settore giovanile e il mini rugby sono le priorità del programma. Il Crc ha già dimostrato negli anni di poter essere una società con tutte le potenzialità per poter arrivare a dei risultati molto importanti. L’augurio è che si continui su questa strada”.