Spinelli segnala il mancato pagamento dei salari ai 200 lavoratori della AGO 1 srl ed attacca la regione Lazio

638
Ancora mancata erogazione di stipendi che Carlo Spinelli coordinatore provinciale romano del movimento Italia dei Diritti e candidato consigliere alla regione Lazio nella lista Civica Popolare Lorenzin porta alla luce : ” Dopo l’epilogo positivo della vicenda sul mancato pagamento degli stipendi agli operai della Lazio ambiente avvenuto in questi giorni anche grazie ai miei numerosi interventi attraverso vari comunicati stampa che hanno dato ampio risalto mediatico al problema, altri lavoratori si trovano nella medesima situazione. Mi riferisco ai dipendenti della AGO 1 e aotolinee che si occupa del trasporto urbano e scolastico in vari comuni della provincia di Roma come Ariccia, Albano Laziale, Genzano e Lanuvio ed Aprilia per la provincia di Latina. Infatti – prosegue Spinelli – gli operai dell’azienda di trasporto pubblico sono in arretrato delle mensilità di Gennaio e Febbraio e della 13° mensilità mettendoli in gravi difficoltà finanziarie. La mancata erogazione degli stipendi priva le famiglia di quella stabilità economica essenziale per affrontare la vita di tutti i giorni, far fronte alla scadenza dei ratei del mutuo ma anche affrontare le normali spese quotidiane diventa difficile e dall’azienda Ago 1 la palla la rimbalzano alla regione Lazio accusandola di non pagare puntualmente la stessa per i servizi erogati. Infatti – continua Spinelli – da una ricerca effettuata, gli ultimi pagamenti della regione risalgono al 20 novembre scorso e riguardano le mensilità di Luglio e Agosto, quindi anche l’azienda che ha sede ai castelli romani risulta in arretrato nel ricevere i compensi, mancano a bilancio gli ultimi tre mesi dello scorso anno e questo primo scorcio di 2018. Questo però non giustifica la mancata retribuzione salariale ai propri dipendenti, infatti – va avanti ancora il candidato di Civica Popolare – aziende che operano per conto di enti pubblici gestendo appalti cosi importanti, dovrebbero avere una propria indipendenza economica e non è possibile che già dopo appena un mese e mezzo dall’ultimo pagamento regionale, i soldi per pagare i propri dipendenti siano finiti. I lavoratori della Ago 1 lamentano anche l’assenza dell’amministratore che ogni qual volta ritarda il pagamento degli stipendi, sparisce e questo indispettisce ancora di più i dipendenti. Mi rivolgo quindi principalmente a chi gestisce la Ago 1 invitandolo a garantire le mensilità arretrate ai propri lavoratori che non possono più aspettare, ed anche alla regione Lazio ed al presidente uscente Zingaretti che, sebbene impegnato a cercare voti per la sua rielezione, dovrebbe ogni tanto ricordarsi che è ancora alla guida della regione e che i suoi doveri sono quelli di far si che problemi come questo non abbiano a verificarsi. Quindi presidente basta bearsi tra la gente rivendicando le cose ben fatte e provveda a far pagare chi offre i propri servigi per la regione Lazio, ci sono 200 famiglie che sono ridotte alla fame perchè non percepiscono lo stipendio e stanno perdendo la loro dignità di di donne, uomini, madri e padri di famiglia, è grave non sapere neanche se si riesce a comprare il latte per il proprio figlio o garantire una cena decente alla propria famiglia, si metta una mano sulla coscienza presidente e provveda immediatamente a far versare il dovuto nelle casse della Ago 1. E a lei amministratore dell’azienda chiedo di erogare subito quanto dovuto ai suoi dipendenti e li affronti invece di sparire, non credo che lei abbia difficoltà a mangiare ma si metta nei panni dei suoi operai e chieda loro se domani hanno 10 euro per fare la spesa e far mangiare i propri figli. Personalmente – conclude Spinelli – mi schiero al fianco dei 200 lavoratori della Ago 1 srl ed autolinee pronto a condividere qualsiasi iniziativa vogliono intraprendere.