L’impianto spinale consente all’essere umano paralizzato di camminare di nuovo

Dal Dottor Giovanni Ghirga riceviamo e pubblichiamo:

“ALERT. L’impianto spinale consente all’essere umano paralizzato di camminare di nuovo.
Nel 2017 Michel Roccati ha avuto un incidente in moto che ha lasciato la parte inferiore del corpo completamente paralizzata. Nel 2020 ha camminato di nuovo, grazie a un nuovo rivoluzionario impianto di midollo spinale .
L’impianto invia impulsi elettrici ai suoi muscoli, imitando l’azione del cervello e un giorno potrebbe aiutare le persone con gravi lesioni spinali a stare in piedi, camminare e fare esercizio.
Si basa su una ricerca di lunga data sull’utilizzo degli impulsi elettrici per migliorare la qualità della vita delle persone con lesioni del midollo spinale, incluso uno studio del 2018 dello stesso team che ha aiutato le persone con paralisi parziale della parte inferiore del corpo a camminare di nuovo.
“E’ stata un’esperienza molto emozionante”, ha detto Roccati ai giornalisti la prima volta che si sono attivati gli impulsi elettrici e ha fatto un passo.
Era uno dei tre pazienti coinvolti nello studio, pubblicato lunedì sulla rivista Nature Medicine , tutti incapaci di muovere la parte inferiore del corpo dopo gli incidenti.
Ma i tre sono stati in grado di prendere provvedimenti poco dopo l’inserimento dell’impianto da sei centimetri e le sue pulsazioni sono state regolate con precisione.
“Questi elettrodi erano più lunghi e più grandi di quelli che avevamo impiantato in precedenza e abbiamo potuto accedere a più muscoli grazie a questa nuova tecnologia”, ha affermato Jocelyne Bloch, neurochirurgo presso l’ospedale universitario di Losanna che ha contribuito a condurre lo studio.
Quei passaggi iniziali, sebbene mozzafiato per i ricercatori e i loro pazienti, sono stati difficili e hanno richiesto barre di supporto e una forza significativa della parte superiore del corpo.
Ma i pazienti potevano iniziare subito la riabilitazione e nel giro di quattro mesi Roccati poteva camminare con solo una struttura per l’equilibrio.
“Non è che sia subito un miracolo, non di gran lunga”, ha ammonito Gregoire Courtine, neuroscienziato dell’Istituto Federale Svizzero di Tecnologia che ha guidato la ricerca con Bloch.
Roccati ora “sta in piedi due ore, cammina quasi un chilometro senza fermarsi”.
L’italiano ha descritto di poter guardare i clienti negli occhi, bere un drink a un tavolo in piedi e fare la doccia in piedi grazie all’impianto.
Lui e altri nel processo furono anche in grado di salire le scale, nuotare e andare in canoa .
Ci sono sfide: nella fase di recupero precoce la capacità di un paziente è ancora in continuo mutamento, rendendo difficile stabilire una linea di base da cui misurare i progressi, le cure mediche e il dolore in corso inoltre potrebbero ostacolare la riabilitazione.
Finora, gli impianti sono adatti anche solo a chi ha una lesione sopra il midollo spinale toracico inferiore, la sezione che va dalla base del collo all’addome, perché sono necessari sei centimetri di midollo spinale sano.
L’idea di utilizzare impulsi elettrici per affrontare la paralisi derivava dalla tecnologia utilizzata per regolare il dolore e i ricercatori hanno affermato di vedere la possibilità di ulteriori applicazioni.
Hanno anche dimostrato che può regolare la pressione sanguigna bassa nei pazienti con lesioni del midollo spinale e hanno in programma di pubblicare presto uno studio sul suo uso per il morbo di Parkinson grave.
Il team ha avvertito che rimane un lavoro significativo prima che l’impianto sia disponibile per il trattamento al di fuori degli studi clinici, con Bloch che afferma che lei e Courtine ricevono circa cinque messaggi al giorno da aspiranti pazienti in cerca di aiuto.
Successivamente pianificano di miniaturizzare il computer che attiva gli impulsi in modo che anche questo possa essere impiantato nei pazienti e controllato con uno smartphone.
Si aspettano che ciò sia possibile quest’anno e hanno in programma studi su larga scala che coinvolgono 50-100 pazienti negli Stati Uniti e poi in Europa.
“Riteniamo che ci sia un brillante futuro per la tecnologia di stimolazione neurologica”, ha affermato Courtine.
“Lo faremo il più velocemente possibile.”

SCIENCE ALERT SARA HUSSEIN, AFP