“Voja de lavorà”

22

Da Pasquino dell’Ottimo Consiglio un nuovo sonetto dal titolo “Voja de lavorà”

Er sinneco s’è morto preoccupato
Perché er governo de sti damerini
Che fanno ride a petto de Sarvini
De cui, se sa, s’è proprio innamorato,

Avrebbe, pensa tu, desiderato
Che er commune dentro a li confini
Decidesse pe tutti i cittadini
Un territorio mejo tutelato.

Me vonno scaricà er barile addosso,
Ha strillato perdenno un po’ er controllo
Me vonno seppelli, mannà ner fosso.

Io nun so’ eletto pe rompeme er collo
Ma pe strigne le mano a più nun posso
E annà a passeggio da scavezzacollo.

Ho scritto un protocollo:
A me me piace tanto de sta là
Senza doveri e senza lavorà.

Pasquino dell’OC