“Trulli trulli”

33

Da Pasquino dell’Ottimo Consiglio un nuovo sonetto dal titolo “Trulli trulli”

Er sinneco stavorta s’è incazzato
J’ha detto annate a casa tutti quanti
Ve state a comportà come mercanti
E de mercanteggià me so stufato

Pe discute co voi me manca er fiato
Chiedete sempre e fate l’arroganti
Inortre sete come li mutanti
Cambiate pelle e so disorientato

Ha cambiato casacca morbidelli
Pe nobbili raggioni e lo capisco
Poi marino perello e frascarelli

E tutti quanti co lo stesso disco
Vorrebbero aumentà li giocarelli
E devo confessà, m’innervosisco.

Mo che ve suggerisco?
Mi nonna me diceva trulli trulli
Tu l’hai voluti e tu te li trastulli.

Pasquino dell’OC