“Se n’ha d’annà”

133

Da Pasquino dell’Ottimo Consiglio un nuovo sonetto dal titolo “Se n’ha d’annà”

Lo volete capi? Se n’ha d’annà.
Mo basta basta basta e ancora basta.
Nun potemo pensà che stamo all’asta
Che se mettemo sempre a contrattà.

E ‘na vorta er petrolio e poi er metano
E poi er carbone “ch’adè mejo assai”
Gni vorta ricominceno li guai
E ‘gni vorta je famo er baciamano.

Mo basta, basta, lo dovemo urlà
Quer po’ de dignità che c’è rimasta
Che co’ l’orgojo sempre ce s’impasta
Senza più induggi la dovemo usà.

Nun dovemo da’ retta ar ciarlatano
Che tra un po’ vorrà pure er deretano.

Pasquino dell’OC