“Se fa presto a parlà”

0
275

Da Pasquino dell’Ottimo Consiglio un nuovo sonetto dal titolo “Se fa presto a parlà”

Se fa presto a parlà, diceva Arturo
Che faceva er bosser de professione
Quanno che ciai difronte un sarchiapone
Che te vié sempre avanti a muso duro

Vorresti avé le zampe der canguro
O sparaje sur petto cor cannone.
E’ facile strillà ch’è un bambacione
Che je devi menà come a un tamburo.

Stai a urlà pe’ dimme come se combatte:
So boni tutti a fa’ li professori
E suggerì le soluzzioni adatte
Facenno er tifo come spettatori.

Te ciai da trovà, devi annacce a sbatte
E’ allora che capisci li dolori.
E invece ce sta sempre chi combatte
E chi, senza fa’ un cazzo, vo’ l’onori.

Pasquino dell’OC

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY