“Me devi dì”

508

Da Pasquino dell’Ottimo Consiglio un nuovo sonetto dal titolo “Me devi dì”

Me devi di che sto su scherzi a parte
Me devi dà li pizzichi e svejamme
Me devi dì che stanno a cojonamme
Me devi assicurà che sto su Marte.

Nun penso che ce vole Bonaparte,
Me renno conto che ce sta er bailamme,
Ma nun ponno nemmanco candidamme
Quarcuno che nun cià arte né parte.

Er parlamento adè ‘na cosa seria
Armeno io così me lo ricordo
Nun potemo ridullo a ‘na miseria,

E mannacce chi adè sortanto ingordo.
Nu la considerate cattiveria:
Nun ce se và sortanto a prenne er sordo.

Pasquino dell’OC