“Li Mister”

425

Da Pasquino dell’Ottimo Consiglio un nuovo sonetto dal titolo “Li Mister”.

Mister transenne e mister bancarelle
So’ due assessori della terra mia
Che cianno ‘na gran brutta malattia:
Uno cigne le buche de stampelle

Come fossero tante sentinelle,
Er seconno cià invece la mania
De fa’ cresce da noi l’economia
Facenno venne a tutti le frittelle.

E io che penso a la città d’incanto
Me vedo tutt’intorno circonnato
Da gabbie e da baracche e so’ angosciato.

E nun me dì che vivo nel rimpianto,
Nun penso a ‘na città ch’adè ‘no schianto,
Ma manco che somij a un camposanto.

 

Pasquino dell’OC