“Li differenti uguali”

0
125

Da Pasquino dell’Ottimo Consiglio un nuovo sonetto dal titolo “Li differenti uguali”

Er sinneco de prima adera strano
L’incontravi pe’ strada o per mercato
E lo vedevi sempre assai incazzato
Pareva che dicesse: stai lontano.

Er sinneco de adesso adè er contrario
Saluta cor sorriso e fa er fichetto
Strigne le mano a tutti e dà er bacetto
Pare sempre che adè ‘n anniversario.

Mo si te devo dì chi preferisco
Me trovo m’hai da crede in imbarazzo
A me me pare ch’è lo stesso disco

E che propone sempre er vecchio andazzo.
So’ uguali o so’ diversi nun capisco
Perché pe la città nun se fa un cazzo.

Pasquino dell’OC

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY