“L’egocentrico”

Da Pasquino dell’Ottimo Consiglio un nuovo sonetto dal titolo “L’egocentrico”.

A le nozze vorrebbe fa’ lo sposo
Ar funerale vorrebb’esse er morto
Su gni cosa je piace er contenzioso
Pe poté dì che lui nun cià mai torto.

Chi lo critica è solo n’invidioso
E’ insofferente a chi lo guarda storto
Intorno vole solo chi è tifoso
Nun vo’ nemmanco chi je dà supporto.

A le feste ce va pe rovinalle
Come ner firme ha fatto Gambardella
Perché pensa che chi rompe le palle

Risarta da la brace a la padella.
E’ così che va appresso a le farfalle
Perché la sorfa nun po’ esse quella.

Nun devi annà in cappella:
Ogni riferimento personale
Me devi crede è solo casuale.

Pasquino dell’OC