“La tarda ribbellione”

491

Tortus Cavus risponde a Pasquino con un sonetto dal titolo “La tarda ribbellione”

Pasquino caro, adesso te ribbelle?
Vabbe’, er Natale nun è più festante
e si poi la città nun è cangiante,
la corpa nun poi dalla ar cinquestelle.

Rimasto c’è lo scotto su la pelle
de chi, prima de que’, fece er brigante.
Già ne’ r dumila ne spesero tante:
ottocento mijone in luminelle,

ndo’ so’ annate a fini’ resta un mistero;
sparite, imporverate da un carbone
che scese a destra e a manca foraggero.

Caro Pasquino hae voja a fa’ e lagnone,
so’ adesso, tutte pronte a spara’ a zero
sull’assessore e ar sinneco freggnone.

Desertificazione?
Si er monno a quell’incedere è vicino
voi vede’ che c’ha corpa Cozzolino?

Tortus Cavas