“La svenarella”

0
195

Da Pasquino dell’Ottimo Consiglio un nuovo sonetto dal titolo “La svenarella”:

Davanti ar mare de Civitavecchia
Ciavremo tante gabbie galleggianti
Nun s’avvicineranno li bagnanti
La zona sarà tutta ‘na fetecchia.

C’è gente che in città ce s’apparecchia
Levanno er territorio all’abbitanti
S’approfittano de li governanti
Che ripeteno ormai na storia vecchia.

E noi stamo a guardà sta svenarella
Parlamo e s’incazzamo tutto er giorno
Ma ar fonno sta città nun se ribella.

Ogni vorta che se guardamo intorno
Strillamo de pija la rivortella
Ma poi finimo pe daje er bongiorno.

Pasquino dell’OC

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY