“La sola cosa bella”

20

Da Pasquino dell’Ottimo Consiglio un nuovo sonetto dal titolo “La sola cosa bella”

Pare che ormai la sola cosa bella
Adè truccasse e annà in televisione
Ce va er furbo e pure chi è minchione
A parlà de sto male che flagella

Ogni sera ce sta la passerella
Tutti a strillà pe avecce la raggione
S’insurteno esprimenno l’opinione
Si li senti te viè la cacarella

Filosofi politici e scienziati
Battibeccheno come regazzini
Li spettatori pori disgraziati

Rintronati da tanti vaticini
Speranno de venì rassicurati
A la fine s’affideno ai santini.

Pasquino dell’OC