“La scimmia ar potere”

Da Pasquino dell’Ottimo Consiglio un nuovo sonetto dal titolo “La scimmia ar potere”

Quanno la scimmia conquistò er potere
Avenno lei promesso mari e monti
Dovette dì: nun quadrano li conti
Dovete aspettà er tempo de le pere.

Se sentirono presi pel sedere
Li leoni co li rinoceronti
S’incazzarono li camaleonti
Finì la pace in tutto lo scacchiere.

La morale adè semplice e scontata:
Ndove s’hanno da prenne decisioni
Ce deve annà la bestia preparata

Nun bisogna mannacce li cojoni.
La scimmia sarà pure assai dotata
Ma è bona solo a fà l’imitazzioni.

Pasquino dell’OC