“La pace ar Commune”

Da Pasquino dell’Ottimo Consiglio un nuovo sonetto dal titolo “La pace ar Commune”

Vorrebbe sapé quello ch’è successo
Pe’ sta pace ch’è senza spiegazzione
Eppure ce dev’esse ‘na raggione
Che j’ha fatto raggiunge er compromesso.

Quarcuno se po’ esse genufresso
Quarch’artro ciavrà avuto l’occasione
Pe’ chiede un premio de consolazzione.
Chi vo’ la verità guardi ner cesso.

A chi domanna: che j’avrà promesso?
C’è chi risponne: è robba de portrone,
Certo nun se po’ avé la compassione
Pe chi oramai fa solo er pesce lesso.

Er sinneco de certo se rincora
Però cià er culo dentro e i piedi fòra.

Pasquino dell’OC