“La nostargia”

342

Da Pasquino dell’Ottimo Consiglio un nuovo sonetto dal titolo “La nostargia”.

Stanotte ciò stanchezza ne la testa
E sento er peso de la nostargia
Me s’è incollata la malinconia
Er battito der core è na tempesta.

E penso a sta città, quello che resta
Che s’è fissato nell’anima mia,
Me devi crede nun adè bucia
Ce stava gente semplice ma onesta,

Rivedo Ovidio fori de la scola,
Angelino er peloso, i bombaroli,
La pescetta, la mejo fruttarola.

Fori ar Traiano semi e mostaccioli
A la rinfusa su ‘na bagnarola,
A lo chalet le bombe e li ghiaccioli.

Semo rimasti soli?
Te devo dì che me domanno spesso
Si adera mejo prima o è mejo adesso.

Pasquino dell’OC