La doppia “Rota” di Pasquino

0
145

Da Pasquino dell’Ottimo Consiglio un doppio sonetto, dal titolo “La rota” (1 e 2).

“La rota” (1)

A me me piace tanto er carosello
Me piaceno le rote e er tirassegno
Sull’autoscontro me ce disimpegno
Ce vado e me rilasso un po’ er cervello

Io me ce levo tanto de cappello
A legge che ce sta oramai l’impegno
De n’assessora che co tanto ingegno
Dice che mo ciavremo sto gioiello.

Così dall’arto de sto monumento
Potremo vede mejo er paesaggio
Guardallo bene e esprime gradimento

Pe quello che ce po’ sembrà un miraggio:
Er fumo che cioscura er firmamento
E er degrado che c’è ne sto villaggio.

“La rota” (2)

Pe l’assessora è er sogno de na vita
Che finarmente se sta a realizzà
Per turismo sarà na calamita
Na cuccagna pe tutta la città

Che de sicuro sarà assai arricchita:
E’ er sogno che diventa ‘na reartà
La rinascita è più che garantita.
“Co ‘na rota? Me state a cojonà”.

Diteme ch’è no scherzo per piacere
De quarche giornalista un po’ allegrotto
Cià preso tutti quanti per sedere

E all’assessora je vo fa er biscotto.
Perché si quelle frasi so’ sincere
Chi l’ha dette dovrebbe fa’ fagotto.

Pasquino dell’OC

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY