“La debbolezza”

Da Pasquino dell’Ottimo Consiglio un nuovo sonetto dal titolo “La debbolezza”

Io ciò ‘na debbolezza granne assai
Si pijo a benvolella ‘na persona
Nun vedo manco più si me cojona
Je do fiducia e nun dubbito mai.

Mi nonno me diceva ma ndovai
Nun è così che er monno ormai funziona
Oramai chi adè bono se bastona
E se trova assai spesso ne li guai.

La terra è diventata ‘na foresta
Ndove stanno nascosti li servaggi
Sempre in agguato pe’ fatte la festa

E pe evità de diventà l’ostaggi
Bisogna fasse furbi, arzà la cresta,
E nun fasse fregà da li miraggi.

Pasquino dell’OC