“Io so’ io”

Da Pasquino dell’Ottimo Consiglio un nuovo sonetto dal titolo “Io so’ io”

Quanno ce sta ‘n’azzione punitiva
Er sinneco sta sempre in prima fila
Nun devi fa’ nemmanco la trafila
Pe’ vedello che lancia l’invettiva.

Ar mercato s’affanna a corre appresso
A chi er bancone ha messo foriposto
Si er mercataro poi nun è der posto
Se scatena p’avello genufresso.

Je piace fa vedé che lui comanna
Co’ chi s’addorme sopra ‘na panchina
E chi nun cià difese e se trascina,
Je po’ servì pe’ fasse propaganna

Però chi adè trattato come straccio
Adè sempre e sortanto er poveraccio.

Pasquino dell’OC