“Famo finta”

Da Pasquino dell’Ottimo Consiglio un nuovo sonetto dal titolo “Famo finta”

Famo finta che un giorno se svejamo
E er monno ha dichiarato fallimento
Nun c’è più gnente, manco er firmamento,
Cercamo er sole e manco lo trovamo.

Cor terrore nell’occhi se guardamo
Ce sta silenzio, nun ce sta un lamento,
Nun c’è ‘na luce, tutto pare spento
E l’angoscia ce prenne: mo che famo?

Ma che voi fa? se l’omo s’è ammattito
E pensa de poté buttà le bombe
Potemo sonà solo ‘no spartito

E affonnà tutti ar sono de le trombe.
Er monno intero sarà seppellito
Senza avecce bisogno de le tombe.

Pasquino dell’OC