“Er sinneco ambulante”

Da Pasquino dell’Ottimo Consiglio un nuovo sonetto dal titolo “Er sinneco ambulante”

Ha scritto ‘na signora assai informata
Che ciavemo li sinneci ambulanti,
Appena la funzione è completata
Vanno ne li communi circostanti

In modo da poté co’ sta trovata
Continuà a fa’ li commannanti.
La cosa nun è proprio ‘na ficata
Però po’ annà, si vonno l’abbitanti.

Ma margrado che nun me piace tanto
Ce po’ avé pure quarche ber vantaggio:
Si penso a sta città ch’era d’incanto

E mo pò servi solo da stallaggio
Potemo senza avecce arcun rimpianto
Approfittà der prossimo allunaggio.

Pasquino