“Er ritorno der passato”

352

Da Pasquino dell’Ottimo Consiglio un nuovo sonetto dal titolo “Er ritorno der passato”

‘N amico mio che nun so daje torto,
M’ha detto l’artra sera passeggianno
Che prima de la fine de quest’anno
Farà ‘na cosa che je dà sconforto:

Co tutta la famija all’aeroporto
Pe’ un paese lontano partiranno,
Perché nun vole rivedé er tiranno
Ritornà qui da noi, come risorto.

J’ho detto de nun esse esaggerato
De nun pensà davero che Sarvini
Che pare proprio un omo sciamannato,

Po’ fa’ quello ch’ha fatto Mussolini.
Er cittadino ormai s’è vaccinato
Nun cià infilati ar naso l’orecchini.

Ma hai letto Petrolini?
Quanno er popolo impara a ditte bravo
Manco s’accorge che diventa schiavo.

 

Pasquino dell’OC