“Er rispetto”

724

Da Pasquino dell’Ottimo Consiglio un nuovo sonetto dal titolo “Er rispetto”.

Un tempo se incontravi le persone
Co li capelli bianchi davi er passo
Nessuno che faceva lo smargiasso
Nemmeno quelli senza educazzione.

Chi ciaveva l’istinto der cafone
Nun s’azzardava, c’era er contrappasso,
Te poteva venì puro er prolasso
Pe la durezza de la punizzione.

La famija te dava er galateo
La scola t’insegnava li valori,
Potevi nasce nobile o plebeo

Dovevi stacce o aderano dolori.
Invece mo assistemo indifferenti
A le violenze de li prepotenti.

Pasquino dell’OC