“Er rimpasto”

0
125

Da Pasquino dell’Ottimo Consiglio un nuovo sonetto dal titolo “Er rimpasto”:

Mo che se so’ impastati e rimpastati
Facenno piagne o ride quarcheduno
Nun se pò di sortanto sarvognuno
Senza capi perché sti risurtati.

Chi adè cacciato nun adera adatto?
Chi è entrato cià davero er capoccione?
Er cittadino vo’ ‘na spiegazzione
Vole capì si è un bene o s’è un misfatto

Perché c’è ‘na domanna ricorrente:
Come se so’ cambiati l’assessori?
Viè licenziato chi n’ha fatto gnente?

Ma allora senza tanti ghirigori
Doveveno dì a tutti chiaramente
De fasse fotte e accomodasse fori.

Pasquino dell’OC

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY