“Er Pirgo”

790

Da Pasquino dell’Ottimo Consiglio un nuovo sonetto dal titolo “Er pirgo”

Dar tempo che eravamo regazzini
S’annava ar pirgo quanno adera estate
E su li resti de le mareggiate
Se sdraiaveno ar sole i cittadini.

Poi c’è da dì che st’anni più vicini
E’ stato tra le spiagge frequentate
De sicuro tra quelle più attrezzate:
Trovavi l’ombrelloni e li lettini.

Quest’anno invece nun ce trovi gnente
Er Pirgo è chiuso, tutto è abbandonato,
Te devo dì ch’è proprio assai indecente:

Puro dar mare ormai cianno cacciato.
E io che pure so’ morto pazziente
Te devo confessà che so’ incazzato.

 

Pasquino dell’OC