“Er giudizio”

357

da Pasquino dell’Ottimo Consiglio un nuovo sonetto dal titolo “Er giudizio”

Le buche ne le strade e la monnezza,
L’erbaccia che nasconne er marciapiede,
Le luci spente che danno tristezza
A raccontallo manco ce se crede.

Nun vojo dì che adera ‘na bellezza
Ma de sicuro quello che succede
Ciaffonna sempre più ne la bassezza
E manco ‘no spirajo ormai se vede.

E nun ripete sempre er ritornello
Che la corpa adè solo der passato
Dopo quattr’anni nun c’è più l’appello

O vieni assolto o vieni condannato.
Er cittadino che sa usà er cervello
Guardanno in giro ormai t’ha giudicato.

Pasquino dell’OC