“Er fetente”

22

Da Pasquino dell’Ottimo Consiglio un nuovo sonetto dal titolo “Er fetente”

A uno che faceva er prepotente
Carmelo lo guardò dritto ner viso
Sul labbro c’era un baffo de sorriso
Che je scopriva appena quarche dente

Ma quello nu lo carcolava gnente
Annava avanti dritto e assai deciso
Faceva lo spavardo e all’improvviso
Se trovò steso a terra da un fendente

Nun capì si era un treno o un accidente
S’arzò che barcollava assai indeciso
Co’ la paura de venì deriso

Ma ‘na voce je disse: essi prudente.
E’ sbajato sentisse onnipotente
Se po’ sempre trovà chi è più fetente.

Pasquino dell’OC