“Er burrone”

Da Pasquino dell’Ottimo Consiglio un nuovo sonetto dal titolo “Er burrone”

All’omo che ce sarva dall’abbisso
Nun ciò creduto mai, nun ciò creduto,
E nu je vojo manco chiede aiuto,
Pe la democrazzia ciò un chiodo fisso.

Se penso poi che tra un par de mesi
Potremmo avé Sarvini o la Meloni
Ch’arzano in parlamento li pennoni
Me viè voja d’anna dall’esquimesi.

E te lo vojo dì co’ la schiettezza:
Er popolo ciavrà pure raggione
A sentì dentro ar core la stanchezza

Ma nun po’ peggiorà la situazzione
Pensanno de trovà la sicurezza
Da chi ci mannerà dentro ar burrone.

Pasquino dell’OC